lunedì 26 gennaio 2015

Canederli Pomodoro e Cozze per l'MTC #44

Ciao cookers!

Questa ricetta si sarebbe dovuta chiamare Canederli Meglio Tradi che Mai, perchè è il motto che sta accompagnando le mie giornate. Infatti, spero non sia troppo presto per dirlo, manca solo un esame alla fine del mio percorso di studi e quindi, se tutto va bene (leggasi: facciamo corna!), a marzo avrò anche io un bel diploma con scritta sopra una qualifica: dottoressa in ingegneria.
Perchè meglio tardi che mai, direte voi. Semplicemente perchè ci ho messo un tantino (...) di più rispetto a  quanto avrei dovuto, ma questa è un'altra storia. 

Anche la mia ricetta per l'mtchallenge di gennaio quindi è tardata ad arrivare a destinazione, anzi mi sto ssalvando in calcio d'angolo. Come ogni mese, dopo aver letto la proposta di Monica per la sfida, ho pensato che non ce l'avrei mai fatta. Questo mese in particolare sono partita sconfitta perchè ho dato il mio penultimo esame venerdì, e non ho davvero avuto tempo per concentrarmi su altro (compresa me stessa) che non fosse inerente alla geotecnica. Ho sbirciato le ricette degli altri membri della comunity, che ho tanto invidiato perchè si sono coccolati le loro ricette, mentre ogni volta che io distoglievo l'attenzione dai miei libri ero subito pervasa da un enorme senso di colpa, e di conseguenza la fantasia veniva meno, come la voglia di cucinare. 

La felicità di aver passato l'esame mi ha però poi dato la carica giusta per dedicarmi alla sfida, proponendo un piatto fatto da ingredienti di cui sono ghiotta, ma allo stesso tempo un piatto semplice che mi permetta di replicarlo durante il prossimo periodo di stress per garantirmi un pasto genuino, energizzante, ma che non mi porti via troppissimo tempo dallo studio (ergo, la prossima volta il brodo lo faccio preparare da mia nonna, e io mi concentro sui canerderli). Allora mi sono chiesta cosa mi sarei regalata, gastronomicamente parlando, dopo questi giorni di sforzi, rinunce, e nottatacce, e sapete a cosa ho pensato? Pane, pomodori, cozze, seguiti da una sola frase: less is more.

Così è nata la mia ricetta, seguendo l'istinto, il gusto e la stanchezza.

INGREDIENTI (dosi per due persone):

-Brodo:
  • 3 l di acqua fredda;
  • una cipolla bianca;
  • una costa di sedano;
  • una carota;
  • 6g di zafferano in polvere;
  • acqua filtrata dall'apertura delle cozze;
  • un cucchiaio di olio evo;
-Canederli:
  • 150g di pane raffermo a dadini di 1 cm (per me una foglietta  );
  • 150ml passata di pomodoro fresco;
  • una retina di cozze fresche (circa 1kg con i gusci); 
  •  un ciuffo di prezzemolo
  • un uovo;
  • 20g di pan grattato;
  • sale e pepe qb;
PRECEDIMENTO
Per prima cosa concentratevi sul brodo, quindi fate aprire le cozze, una volta pulite, mettendole in una padella ampia con i bordi bassi assieme a un goccio d'acqua a fuoco medio; coprite con un coperchio e cucinate per cinque minuti. Togliete le cozze dalla padella, e filtrate il sughetto con un setaccio abbastanza fine (la geotecnica insegna che i granelli di sabbia variano da 20 mincron a 2 mm), e mettetelo assieme all'acqua fredda che vi servirà per il brodo. Sgusciate le cozze e tenetele da parte.
Assieme all'acqua aggiungete gli altri ingredienti, e mettete tutto a bollire per 2 ore a fuoco basso. Con una schiumarola togliete il sedano, la carota e la cipolla quando il brodo è pronto.
Mescolate l'uovo alla passata di pomodoro, cercando di farli amalgamare un po'; in una terrina mettete il pane e copritelo con questo composto, e tritate il prezzemolto. Lasciate riposare per 20 minuti. Trascorso questo tempo, bisogna testare la consistenza del composto, che deve essere umido ma non inzuppato. A questo punto unite le cozze, il pan grattato, il sale e il pepe, mescolate bene, e create delle vere e proprie polpette di 4 cm con le mani inumidite, in modo da non farvi attaccare l'impasto. 
Scaldate il brodo fino a portarlo a bollore. Cuocete i canederli per 5 minuti nel brodo sobbollente: se vedete che si sfaldano l'impasto non è ben riuscito, quindi aggiungete farina o pan grattato per aggiustarne la consistenza. 
Servitene 4 a testa, assieme a una bella quantità di brodo e un cucchiaio di olio evo a fine cottura.




L'interno del mio canederlo:



Ogni porzione vale 8 punti, un bel primo sostanzioso.


Meglio tardi che mai, anche questo mese ho imparato una nuova ricetta e tanti gustosissimi consigli e spunti!

:*

16 commenti:

  1. SSSSSSSSSSSiiiiiiiiii! Non aspettavo altro che il tuo genio incontrastato!! Avevo seriamente paura che la geotecnica ti avesse rapito delle tue fantasie, ma per fortuna non è stato così!
    Che ricetta meravigliosa Chiara! E' golosissima!
    Brava, brava veramente che meraviglia! Un abbraccione coi controfiocchi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah grazie Greta! Nulla confronto aituoi ma diciamo che erano buoni!
      Non potevo perdermi l'mtc :P
      Un mega bacioneeee <3

      Elimina
  2. Ah gli esami universitari che incubo, io ancora adesso, a distanza di quasi sei anni, ho i brividini a pensarci. Sempre sotto stress, pochi momenti di libertà assoluta (mentale soprattutto), quindi immagino la tua felicità nel vedere la luce in fondo al tunnel.
    Hai messo il mare nel canderlo, di cui profuma moltissimo e gli hai donato un colore che fa venir voglia di primavera.
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Monica, per la comprensione e per i complimenti!
      La sfida era davvero interessant e avvincente, mi segnerò le ricette di tutte le altre, e con molta calma cercherò di sperimentare altre versioni!

      :*

      Elimina
  3. Innanzitutto, incrocio le dita insieme a te in attesa di questo importante traguardo.
    E poi lasciati dire che i tuoi canederli sono così belli e particolari che io non ci sarei arrivata neanche se mi fossi spremuta le meningi per un mese, altro che! L'idea di sostituire il latte con il pomodoro mi piace molto e la proverò sicuramente.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulia, sei davvero gentile e affettuosa!

      Incrociamo le dita, al massimo mi consolerò con qualche ricetta e con l'mtc!

      :*

      Elimina
  4. Allora un grande in bocca al lupo per il tuo ultimo esame e complimenti per questi canederli marini!!!

    RispondiElimina
  5. Alcune cose vengono sicuramente prima di una ricetta o di un gioco virtuale. L'importante è che l'esame sia andato bene e che ora ne manchi solo uno! Dai che il traguardo è vicino! :-)
    E quindi è da apprezzare ancora di più che comunque la sfida per te era un pensiero e che subito dopo l'esame li hai realizzati.
    Il canederlo è un piatto semplice e quindi condivido la scelta!

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabio. Sicuramente l'mtc è un'ottima distrazione, un modo per imparare e confrontarmi, e anche per ricevere delle piccole soddisfazioni personali nel realizzare piatti e ricette che non avrei mai fatto senza uno stimolo!

      ;)

      Elimina
  6. Buoniiiiii con le cozze!!!! Io li amo!!! Mi piace molto anche il brodetto delle cozze e inzuppo sempre del pane quando mi trovo davanti un piatto di impepata di cozze.
    Buona l'idea di farli bollire "nel loro stesso brodo".
    Brava e in bocca al lupo per i prossimi esami!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Cristina, sei gentilissima!
      Sono contenta ti siano piaciuti così tanto,e... crepi il lupo!
      :*

      Elimina
  7. Ma che originalità e che gusto questo canederli, bravissima!!!!!

    RispondiElimina
  8. Forza e coraggio!
    Bella idea per i canederli la tua, cozze e pomodoro, originali e saporiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari, sono contenta ti siano piaciuti!
      :*

      Elimina