martedì 23 settembre 2014

MTChallenge #41: Riso Pilav Spezie e Fiori

Ciao cookers!

Finalmente sono qui a scrivere la mia ricetta per l'MTChallenge di settembre.
Il tema della sfida era il riso, ma cotto con un metodo specifico, ovvero: per assorbimento, al latte, o pilav. Potrete trovare una descrizione dettagliata nel meraviglio post di Acquaviva, che vi consiglio di leggere anche solo per cultura personale.

L'idea di Acquaviva non poteva capitare in un momento migliore, infatti ho passato la mia unica settimana di vacanza a Istanbul, e di conseguenza ho scelto per la mia ricetta la cottura pilav.

Perderei ore e ore a raccontarvi quanto sia bella e speciale questa città: l'ospitalità delle persone è incredibile, ogni luogo da visitare è mozzafiato, ci si ritrova catapultati in un mondo totalmente diverso dal quotidiano che ne si rimane affascinati. Una città piena di contraddizioni, un luogo dove un'infinità di culture e popoli si incontrano. Ma le mie parole non sono nulla a confronto con la realtà: andateci assolutamente!

La Moschea Blu, l'emblema della città
Torniamo alla ricetta e alla sfida. Prima di iniziare con gli ingredienti e il procedimento del mio riso pilav voglio spiegarvi il perchè della mia scelta. Vedrete un vero e proprio miscuglio di ingredienti, che apparentemente sembrano essere slegati gli uni dagli altri, ma alla fine, gustando il piatto ci si rende conto che si completano a vicenda. Questo è ciò che mi ha lasciato la vacanza a Istanbul, la certezza che ognuno di noi è diverso dall'altro ma non per questo migliore o peggiore, e che si può stare bene anche con chi ci appare diverso e lontano anni luce dal nostro modo di essere. l'importante è rispettarsi vicendevolmente.

INGREDIENTI (dosi per tre persone)
  • 150g di riso Basmati
  • 300g di brodo di fiori  *vedi PROCEDIMENTO*
  • 3 cucchiaini di olio
  • 3 cucchiaini di cannella
  • 2 cucchiaini di semi di papavero
  • 1 cucchiaio di aceto di riso
  • 1 peperoncino
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • un terzo di cipolla bianca
  • 50g di fagiolini bianchi
  • 50 g di piante di fiori di campo (rosa, tarassaco, borragine, camomilla)
  • petali per guarnire
PROCEDIMENTO
Dopo aver lavato e pulito le piante dei fiori di campo e i fagiolini bianchi, fateli bollire in 300g di acqua salata per mezz'oretta. Filtrate il brodo in una pirofila, che vi servirà per cuocere il riso in forno; tenete le erbe da parte, poichè verranno aggiunte al riso.
Preparate gli ingredienti per il riso. Tagliate la cipolla a quadretti non troppo piccoli, tritate il peperoncino, e unite i cucchiaini delle varie spezie. 
In un tegame fate riscaldare l'olio, e soffriggete le spezie e la cipolla per un minuto; unite il riso e le piante, e fatelo tostare per 5 minuti a fiamma viva. Sfumate con l'aceto di riso.
Rovesciate il riso e le spezie nella pirofila, cercando di spalmare il riso anche sui bordi per rendere la cottura uniforme, io ho lasciato le piantine al centro per non bruciarle. Assaggiate il liquido per capire se aggiungere qualche spezia, o semplicemente del sale.
Infornate a 180° per 15 minuti (20 minuti in forno ventilato).
Lasciate riposare per almeno 5 minuti a temperatura ambiente, aggiungete i petali di fiori e servite.





Ogni porzione di questo piatto vale 4 punti.

Lo so, devo comprarmi una macchina fotografica decente e smettere di affidarmi al mio smartphone. Fortuna che il mio compleanno è tra due mesi!

Fatemi sapere cosa ne pensate, e se volete altre idee strepitose per cucinare il riso in maniera diversa andate sul sito dell'MTC.



:*


21 commenti:

  1. Chiara, il brodo di fiori! Nooooo, ma è una cosa che mai avrei penato! Complimenti, immagino il profumo di questo riso pilav.... e immagino anche quanto sia bella Itanbul, dove spero di fare una capatina prima o poi! Buona giornata Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Flavia devi andare assolutamente perché ne vale proprio la pena! E poi è una meta turistica anche economica, il che non guasta di certo in questo periodo. Ti ringrazio per i complimenti, e spero che proverai la ricetta e che mi dirai cosa ne pensi!
      :*

      Elimina
  2. Che forza Mac!
    E' bellissimo questo riso, che meraviglia!!
    Brava e originale, come al solito! Un abrraccione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono dimenticata... Il mio sogno è da sempre quello di andare ad Istanbul. Grazie per il tuo racconto, mi hai fatto sognare!!

      Elimina
    2. Grazie Greta! Istanbul è davvero stupenda, e fa vivere un sogno con la sua atmosfera magica! Questa ricetta è un mix che meglip rappresenta questa città! :*

      Elimina
  3. Altro che 4 punti, io gliene do 100 a questa ricetta! Fantastica! Il brodo di fiori? Un mito.
    Si vede che Istanbul ti ha ispirata, ci sono stata qualche anno fa, è una delle città più belle e affascinanti che io abbia mai visitato.
    Ciao e bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari, son cotenta che l'idea del brodo di fiori ti sia piaciuta. Devo dire che Istanbul non solo mi ha ispirata, ma mi ha aperto gli occhi verso un mondo sconosciuto, e questo fatto mi ha caricata di positività. A presto ;*

      Elimina
  4. fammi capire: dei fiori hai usato gli steli e le foglie come "verdura" ed i petali come finitura?! E hai sfumato con aceto delicato, per contrastare la puntina amara ed esaltare i profumi? ... ma che mito sei?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Esatto, non avrei saputo spiegarlo meglio! Cara Acquaviva grazie per questa sfida, ma soprattutto grazie dei complimenti: sono davvero lusingata! A presto :*

      Elimina
  5. Mi piacciono tantissimo i fiori nelle preparazioni, ottima ricetta la tua davvero innovativa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Donatella! Un bacio e a presto :*

      Elimina
  6. Quel brodo, Chiara, dev'essere la fine del mondo e questo riso saporitissimo. Complimenti per l'originalità e per la genuinità del piatto.
    Buon weekend cara!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Erica! Ti dirò che questo brodo è stato una vera scoperta, soprattuttp per chi come me non ama i vari dadi e simili! Buon week end anche a te e a presto! :*

      Elimina
  7. Brodo di fiori????? Lo devo assolutamente provare! Chiara, ciao! Ti informo che il colpo di fulmine ce l'ho avuto anch'io...questo blog è ricchissimo!! Mi piace molto..io intanto ti abbraccio, sono felice di averti conosciuta. Un bacio e a prestissimo! E mi piace molto anche il tuo contest... dammi il tempo di raccogliere qualche idea e qualche foto e ti faccio sapere! Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale! Sono contenta, sei la benvenuta! Certo, raccontando gli un po' di idee e regalaci la tua preziosissima ricetta, non vedo l'ora! Un bacione e a presto! :*

      Elimina
  8. amo Istanbul, in una maniera viscerale, appassionata, senza freni. Per che sono una tipa algida, "londinese" al midollo e che se potesse andrebbe a vivere al polo nord, Istanbul rappresenta l'eccezione. non credo che finirei mai di "saziarmi" della sua bellezza, del suo fascino, della sua storia. E meno male che questo non fa "punti" :-)
    Sul resto, tu sei sempre più brava: la tua partecipazione all'mtc è un crescendo di piatti convincenti, ma questa proposta è quella che davvero strappa il cuore: un brodo di fiori così strutturato è roba da alta cucina e la scelta di profumare il pilav in questo modo nobilita un piatto che nasce proprio per farsi ricettacolo di sfumature di gusto e che, in questa versione, arriva davvero ai vertici. Brava, brava, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale, il tuo commento è una vera lusinga. Amo sempre più cucinare, e devo ammettere che sto trovando un mio stile, un modo di cucinare che più mi rispecchia e definisce la mia personalità. Se non avessi incontrato voi dell'MTC non so se sarei arrivata a questo punto, e ciò che mi rincuora e carica è che ho ancora tanto, tantissimo da imparare da voi e dalle nostre condivisioni. Spero e ambisco di raggiungere un giorno i vostri livelli.
      Grazie ancora, per tutto.
      :*

      Elimina
  9. Chiara, che dirti? Sono stata ad Istanbul a pasqua e ci sarei rimasta a vivere per sempre. Una città splendida che mi ha sorpreso in tutto.
    e il tuo pilaf è un piatto da maestro! Pur essendo stata ad Istanbul non ci avrei mai pensato, solo un'ottima cuoca può arrivare a questi livelli! Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Stefania, è um piacere averti sul mio blog. Gemtilissima e troppo buona per i complimenti, sono arci contenta che il mio piatto ti sia piaciuto e sia quindi riuscito.
      A presto!
      :*

      Elimina
  10. E' un paese dove mi piacerebbe molto andare....
    Complimenti per questa originale preparazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio molto, Mila. Ti consiglio di visitare al più presto Istanbul, è davvero una città magica.
      :*

      Elimina